Linea Assist Ita, due anni di lavoro

Pubblichiamo di seguito la relazione riassuntiva sulla Linea Assist Ita, lo sportello telefonico gestito dalla psicologa Anna Haddad Gruner che dal 2016 offre una prima assistenza agli immigrati italiani. La relazione è stata redatta dalla stessa dottoressa Gruner.
Negli ultimi due anni ho offerto le mia disponibilità ed un ora settimanale del mio tempo e della mia capacità ed esperienza professionale per dare un sostegno telefonico ad italiani emigranti in Israele.
Durante questo periodo ho accompagnato per periodi brevi (da una risposta di sostegno attraverso l'ascolto in una o due conversazioni telefoniche, a vari incontri nel mio studio di psicoterapeuta.)
I casi che si sono presentati sono di vari tipi che elencherò secondo categorie di età:
La gran parte dei casi che si sono presentati presentavano tematiche legate alla difficoltà in generale di far fronte ai grandi cambiamenti e alle incognite presentate dall'inserimento in un paese totalmente diverso da quello di origine a tutti i livelli.  Le difficoltà più comuni erano legate a tematiche di inserimento sociale e creazione di legami saldi e profondi come quelli esperiti nel paese di crescita ed origine,  difficoltà linguistiche, difficoltà di comprensione ed integrazione nel tessuto socio culturale israeliano e difficoltà nel campo familiare (spesso in conseguenza del vissuto a volte traumatico dell'immigrazione).
1. Persone anziane, spesso con rapporti familiari complessi che non offrono abbastanza sostegno, che si confrontano con difficoltà nel campo linguistico, dell'integrazione sociale e di mancanza di un tessuto comunitario a cui appoggiarsi insieme ad una struttura di attività dove trovare occupazioni nella lingua madre italiana.
Il counseling si è svolto intorno a tematiche di empatia e rafforzamento dell'immagine di sé dell'anziano e delle capacità, conoscenza e saggezza che hanno accumulato nel tempo. Questo era arricchito da strumenti cognitivi e psicologici per affrontare meglio le difficoltà insieme a proposte di costruzione di nuovi legami sociali attraverso la partecipazione ad attività culturali in italiano.
2. Famiglie con figli in età scolare ed adolescenti.
Le famiglie si confrontano con difficoltà a vari livelli gerarchici: prima di tutto le figure genitoriali attraversano una crisi legata a difficoltà di adattamento a livello socio culturale e professionale. Questo crea (spesso) un indebolimento del rapporto di coppia e di conseguenza una frattura nelle risorse del sistema famigliare.
I figli devono confrontarsi con l'inserimento in strutture scolastiche molto diverse da quelle di origine, sia a livello organizzativo, che di aspettative comportamentali, che linguistico che culturale. Insieme al confronto con le proprie difficoltà, i genitori si ritrovano privi di strumenti per comprendere ed aiutare i figli che si confrontano con difficoltà scolastiche. Ciò crea un indebolimento ulteriore della figura genitoriale agli occhi dei figli ed approfondisce la crisi nella famiglia.
Queste problematiche sono state affrontate all'interno di incontri familiari che permettono un impatto più veloce ed efficace sulle dinamiche e la comunicazione familiare. Il mio counseling si è concentrato in particolare sui metodi di funzionamento della struttura scolastica israeliana, dando empatia e strumenti di supporto a tutti i membri della famiglia. La figura genitoriale e la struttura gerarchica familiare sono state rafforzate. Allo stesso tempo è stata offerta ai genitori la possibilità di arricchire modalità di comunicazione in direzioni più adatte alle esigenze ed al funzionamento della società israeliana.
3. Giovani italiani nella fascia di età universitaria e postuniversitaria (19-30), che si confrontano con difficoltà di adattamento a livello psicologico e di inserimento a livello sociale e lavorativo.  Questi giovani sono stati sostenuti dal mio counseling con strumenti a breve termine come il coaching e il CBT (cognitive  behavioural therapy) e la psicologia positiva.
Inoltre sono stati spinti e sostenuti per partecipare ad eventi della comunità italiana in modo da trovare punti di riferimento a livello sociale.
La conclusione di questo periodo di volontariato è che esiste una esigenza di supporto psicologico per questa popolazione. E' importante che la risposta a questi bisogni sia data sia a livello individuale che nell'ambito di un gruppo di sostegno, all'interno del quale le persone troveranno un senso di comunità e condivisione delle difficoltà, avranno modo di imparare anche da altri partecipanti e sopratutto di creare nuovi rapporti sociali che a loro volta saranno fonte di supporto reciproco.
Chi sono?
Ho studiato psicologia in Israele (B.A.). e negli Stati Uniti (M.A.).
Mi sono specializzata in Terapia Familiare e di coppia (negli Stati  Uniti, in Italia ed in Israele) ed in Psicologia Educativa e dell'infanzia e adolescenza in Israele. In questo campo sono anche supervisor di specializzandi di psicologia.
Vivo e lavoro in Israele da più di 30 anni. Inoltre oltre alla formazione dinamica, sono specializzata in psicoterapia a breve termine, cognitiva-comportamentale, in psicoterapia positiva ed altre tecniche per curare ansia, depressione, difficoltà sociali di svariati tipi e situazioni di post-trauma sia in bambini e adolescenti che in adulti.
Durante i gli anni di lavoro in Israele mi sono anche specializzata nelle problematiche dei nuovi immigranti in Israele grazie alla mia conoscenza delle lingue (e culture) non solo Italiana, ma anche americana, francese e spagnola/sudamericana.
Anna Haddad Gruner

Dove siamo

Indirizzo: 1, Nachal Soreq, Tel Aviv

Telefono: +972 53-585-5658

Mail: [email protected]

Contatti